Coco – La nostra recensione (No Spoiler)

A pochi giorni dall’ormai imminente uscita nelle sale italiane del nuovo film della Disney Pixar, eccoci qui a parlare della nostra opinione su Coco! Dal 28 dicembre al cinema!

Voglio premettervi (come al solito) che la recensione sarà totalmente priva di spoiler, ma che tratterà solo le sensazioni che ho avuto durante il film Coco e la mia impressione su questo.

Coco

Comincio con il dirvi che per prepararvi alla visione di Coco non vi basteranno la solita bibita e la confezione di popcorn. Preparate come minimo tre pacchetti di fazzoletti e tanta cioccolata per poter immediatamente riprendervi durante tutto il film e alla fine di questo.

So che molti di voi sono scettici riguardo questa pellicola (a volte siamo, ammettiamolo, un po’ prevenuti nei riguardi della Disney), già solo per il fatto che Coco vi ricorda troppo The Book of Life. Eppure voglio dirvi che sono due film totalmente diversi. Non bisogna mai giudicare un libro dalla copertina e, di conseguenza, neanche un film dai tratti della trama simili.

Coco

Coco è diverso da qualsiasi cosa abbiate visto fino ad ora. Un film travolgente, sia per la colonna sonora, che per i personaggi, la trama e, soprattutto, per il messaggio che questo film vuole trasmettere.

Non a caso Lee Unkrich, regista di Coco, ha affermato che tiene tantissimo a questo film, più che ad ogni altro lavoro fatto finora. Ci ha messo anima e corpo, e durante l’intervista che abbiamo potuto fargli, ha rivelato tutta la passione che ha messo in questa pellicola.

La storia parla di un giovane ragazzo di nome Miguel che, oltre ad avere una dolcissima bisnonna chiamata Coco, ha una grande passione per la musica che, purtroppo, viene ostacolato dall’odio innato che ha tutta la sua famiglia per essa. Ma il nostro protagonista di Coco non si arrende, e per diventare come il suo idolo, Ernesto de la Cruz, si mette nei guai, finendo nella Terra dell’Aldilà durante il  Día de Muertos.

Coco

L’incredibile lavoro di Lee Unkrich e dello staff di Coco, uniscono in modo fantastico la tradizione e le credenze tipiche messicane, con la fantasia che va oltre ogni immaginazione. Un vero e proprio mondo è stato ricreato nel film Coco, riuscendo a stupirci trattando anche argomenti delicati come quello della diversa visione del mondo spirituale.

Il tutto accompagnato da una colonna sonora incredibile. Oltre le musiche, non possono certamente mancare le canzoni che certamente hanno una bella particolarità, che non voglio rivelarvi, ma di cui sicuramente voglio discutere con voi una volta uscito Coco.

Coco

Ma il vero e proprio colpo di grazia sono le emozioni che questo film riesce a trasmettere. Coco non parla come al solito di storie d’amore, o per lo meno parla di un amore diverso: qui si parla di emozioni e passioni differenti da quelle finora raccontate nei film. Miguel è un ragazzino con grandi sogni, la cui passione per la musica è al pari dell’amore che ha per la sua famiglia.

Questa infatti è al centro di ogni cosa per lui e dell’intera trama di Coco, anche durante la sua avventura nel tentativo di realizzare il suo più grande sogno. Ogni bambino (ma ogni adulto) potrà immedesimarsi nel protagonista, e nel caso degli adulti anche nei parenti che comunque amano più di ogni altra cosa il loro Miguel. Coco non parla solo di musica: parla di puro amore incondizionato.

Coco

Non posso e non voglio dirvi di più su Coco, perché secondo me il 28 dovete correre al cinema e vivere un’incredibile esperienza senza essere troppo preparati, ma sapendo almeno che dovrete portarvi tanti fazzoletti.

Sopra vi ho parlato della nostra intervista a Lee Unkrich, l’avete letta? Sapevate che è in arrivo una collezione di Tsum Tsum dedicata a Coco? Per rimanere aggiornati sulle novità seguiteci anche sulla pagina facebook!

Lascia un commento