come diventare grandi

“Come diventare grandi nonostante i genitori”: Recensione!

Come diventare grandi nonostante i genitori

unnamed

Il 10 Novembre 2016 si è tenuta l’anteprima stampa, presso il cinema Odeon di Milano, del prossimo film prodotto da 3Zero2 e distribuito da The Walt Disney Company Italia, intitolato Come diventare grandi nonostante i genitori.

Il film diretto da Luca Lucini e con la sceneggiatura di Gennaro Nunziante, vede la collaborazione di grandi attrici italiane come Margherita Buy e Giovanna Mezzogiorno. Altra chicca della pellicola è la presenza del cast della serie televisiva targata Disney Channel, Alex & Co. Il film propone dunque l’esordio cinematografico di giovanissimi del piccolo schermo.

Poco prima della proiezione è lo stesso Lucini a dichiarare di come il prodotto sia destinato ad un pubblico ampio e di come abbia riscosso consensi nelle anteprime straniere. A Londra, i dirigenti Disney hanno dichiarato di come il film abbia: “Un’alta considerazione degli spettatori.” Inoltre il regista ha trovato che lavorare per questo marchio sia stato un vero e proprio stimolo poiché molti dei valori che la Disney da sempre propone nelle sue storie, sono facilmente riscontrabili anche nella cultura italiana.

La trama è semplice e scorrevole.

In tutti i licei italiani è indetto un concorso finanziato dal ministero della pubblica istruzione, che ha come obiettivo quello di esaltare le doti canore e musicali dei ragazzi. Nel liceo della nostra storia, a partecipare sono Alex & Co. un gruppo di amici unito e affiatato che ha come grande passione quella della musica. I ragazzi, sono però ostacolati dalla nuova e crudele preside, che senza un motivo apparente non approva la loro iscrizione al concorso. I ragazzi, sono così obbligati a crescere e superare varie sfide per ottenere ciò che desiderano e far valere il loro credo musicale non solo sulla preside ma anche sui loro genitori, che, troppo spesso, pretendono di sapere quale sia il bene dei figli. Ci riusciranno? Per scoprirlo non vi resta che guardare il film…

Come diventare grandi nonostante i genitori si propone come una brillante commedia italiana, con insegnamenti e morale tipicamente nostrani, fallendo purtroppo nell’intento. A penalizzarlo è la recitazione acerba e impostata di ragazzi forse troppo giovani ma anche di dialoghi e di situazioni banali e prevedibili.

Magistrali come sempre, ma forse, sprecate nei loro ruoli, sono Margherita Buy e Giovanna Mezzogiorno che nonostante le poche scene a loro destinate, sono state in grado di alzare nettamente il livello del film con la loro presenza.

La pellicola è percorsa da una colonna sonora giovanile e fresca, cantata dai ragazzi del cast che si dimostrano molto più bravi nelle loro performance musicali che in quelle attoriali.

Nonostante il film sia ricco di luoghi comuni, i due colpi di scena finali sono apprezzabili e smuovono un po’ la trama, migliorando il risvolto finale del film e dandogli quel tocco che sino alla fine, sembra mancare.

Come diventare grandi nonostante i genitori, è un film con i suoi difetti ma anche una grande qualità: quella di voler mostrare una gioventù fresca, semplice e che crede ancora in qualcosa. Nella loro quotidianità, i protagonisti, si ritrovano ad affrontare ostacoli molto più reali che qualsiasi nemico o mostro che siamo abituati ad incontrare nei film e cartoni Disney. Lucini con il suo film propone quindi dei protagonisti con ragazzi comuni resi speciali dalla loro amicizia e dal gioco di squadra. Questo è l’insegnamento più grande della pellicola, un insegnamento sempre attuale e che non andrebbe mai dimenticato.

14729145_921133481353530_7560194402866451187_n

Lascia un commento