Daredevil: Charlie Cox supporta i fan per salvare la serie

Charlie Cox sostiene la petizione lanciata dai fan per non far cancellare “Daredevil“, una delle serie Marvel sulla piattaforma Netflix.

L’attore interpreta il ruolo del protagonista di Daredevil” Matt Murdock dal 2015, l’attore ha recitato nelle tre stagioni della serie e nella serie Marvel/Netflix “The Defenders” nel 2017. Essendo il più acclamato tra tutte le offerte del franchise sul piccolo schermo, i fan erano naturalmente scioccati e frustrati quando fu annunciato che Daredevil era stato cancellato. La decisione è arrivata dopo che Netflix aveva già rimosso “Luke Cage” e “Iron Fist”.

Mentre il finale della terza stagione di Daredevil potrebbe benissimo servire come un finale soddisfacente della serie, molti non vedevano l’ora di avere altre avventure con Murdock e il suo team, vista la brillante uscita che hanno fatto. Ora, Cox mostra il supporto alla petizione lanciata dai fan per vedere la quarta stagione della serie. Mentre partecipava all’ACE Comic Con, Cox ha dichiarato di essersi recentemente imbattuto nella campagna online per riportare sulla piattaforma streaming Daredevil, aggiungendo che sostiene pienamente la petizione. “L’altro giorno ho scoperto che c’è questa petizione, #SaveDarevil, puoi firmarla, firmala”, ha detto al pubblico. Come tutti gli altri coinvolti nello spettacolo, l’attore in precedenza aveva dichiarato di essere rimasto anche lui sorpreso dalla decisione di annullarlo, soprattutto in considerazione della buona riuscita della loro ultima stagione.

Anche D’Onofrio ha promosso la stessa petizione online firmata da Cox. Questa mossa invia il messaggio che entrambi gli attori sarebbero in grado di riprendere i loro personaggi per proseguire con Daredevil. E considerando che la loro dinamica è senza dubbio la parte migliore della serie, questo potrebbe stimolare l’interesse di altri servizi di streaming – o persino di Netflix stesso – nel contemplare l’idea di dare alla serie un’altra possibilità.

Fonte: Screenrant

Related Post

Lascia un commento