Guardiani della Galassia Vol. 3: James Gunn non dirigerà il film

James Gunn, scrittore e regista dei film della Marvel “Guardiani della Galassia”, è stato rimosso dal ruolo di regista dal prossimo film  “Guardiani della Galassia Vol. 3” dopo alcuni tweet, cancellati e poi riemersi, scritti dal regista.

Gunn ha condiviso un tweet spiegando la situazione mentre si svolgeva, dicendo “Molte persone che hanno seguito la mia carriera sanno quando ho iniziato, ma sono visto come un provocatore, facendo film e raccontando barzellette che erano oltraggiose e tabù. Nel modo in cui ho affrontato pubblicamente molte discussioni, nello stesso modo mi sono sviluppato come persona ed ho intrapreso il mio lavoro e il mio umorismo.”

Groot

“Gli atteggiamenti offensivi e le dichiarazioni scoperte sul feed Twitter di James sono indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio e abbiamo interrotto i nostri rapporti commerciali con lui”, ha dichiarato Alan Horn, presidente di Walt Disney Studios, proprio su ciò che ha fatto colui che doveva essere il regista di Guardiani della Galassia Vol. 3. I tweet a cui si fa riferimento sono stati lanciati sul suo profilo tra il 2008 e il 2009 in cui Gunn fa battute su stupro, pedofilia, Olocausto e gli attentati dell’11 settembre.

I film della saga “Guardiani della Galassia” hanno avuto un enorme successo per Disney e Marvel Studios fino ad ora, con i primi due film che hanno guadagnato 863 milioni di dollari in tutto il mondo. Nessun annuncio è stato ancora fatto su chi prenderà il posto di Gunn alla guida di Guardiani della Galassia Vol. 3” la cui data di uscita era prevista per il 2020.

Fonte: Inside The Magic

Related Post

Lascia un commento