Oceania: La nostra recensione- (No spoiler) Rapacensione

Abbiamo avuto la possibilità di vedere in anteprima il film Oceania, ed ecco tutto ciò che pensiamo del film in uscita nelle sale il 22 dicembre! Senza spoiler!oceania-logo

 

Vorrei dirvi tante cose su questo film, ma eviterò di dirvi proprio tutto quanto, per non cadere sul facile spoiler. Devo dire che mi aspettavo tanto da Oceania, se ne è parlato tanto eppure solamente per le motivazioni sbagliate: il cambio di nome. Invece saremmo dovuti andare oltre questo, e guardare a quello che sarebbe potuto essere questo lungometraggio Disney. Quello che realmente è stato. Perché quelle aspettative che avevo, sono state ampiamente ripagate.

Innanzitutto, voglio consigliarvi di preparare popcorn e di prenotare la poltrona del cinema più vicino a casa vostra, carichi di quelle aspettative che potreste aver avuto solo per i grandi classici. Oceania ha tutto: avventura, emozioni, coraggio, libertà. Quello che è bene sottolineare è come Oceania non si centri sul rapporto della protagonista con qualcuno, ma come Vaiana, spinta dalla sua forza, voglia affrontare il suo destino per trovare sé stessa ed aiutare il suo popolo. Come voglia liberarlo dallo status quo.

Oceania

Sin dal primo momento, la storia di Oceania riesce ad appassionarti, e mentre ascolti le parole che narrano le prime leggende, non si può fare a meno di rimanere affascinati da quelle che sono le tradizioni e le culture del popolo che viene rappresentato. Da quel momento parte un’emozione continua: Oceania riesce a farti immedesimare nelle caratteristiche della protagonista sin dal primo momento, anche quando è solo una bambina che disobbedisce al volere dei genitori.

Vorrei per l’appunto spendere due parole su questa che può veramente essere considerata l’ultimo personaggio in grado di essere paragonato a una principessa Disney (seconda forse solo a Mulan). La protagonista di Oceania non è perfetta, va contro corrente, cerca di seguire il suo cuore, anche se non dimenticando mai le sue radici. Il suo spirito può essere paragonato solo a quello di Pocahontas e quello di Mulan, per i desideri comuni, e la loro libertà d’animo. Il suo personaggio è al di fuori di ogni altro conosciuto finora tra quelli Disney: una ragazza che vuole lottare per quello in cui crede, fino alla fine, anche a costo di fare tutto da sola, non solo senza il consenso della propria famiglia. L’eroina di Oceania è questo e molto di più.

Oceania

Ma non sono solamente le emozioni che mi ha dato guardarlo ad avermi fatto apprezzare Oceania. A partire dalla grafica stupefacente (guardando l’acqua nella scena di Vaiana bambina, sono rimasta a bocca aperta), che si lega in modo magnifico all’animazione 2D che tanto rimpiangiamo, grazie anche (ma non solo) ai magici tatuaggi di Maui, il cui personaggio si è rivelato una vera sorpresa (non voglio dirvi altro). Inoltre il film si alterna a momenti di profondità, ad attimi comici al limite dell’incredibile, che rendono il film Oceania leggero ed allegro, sia agli occhi dei più grandi che dei bambini.

Oceania

Ma ciò che ho amato di più, senza togliere nulla a tutto il resto, è la colonna sonora di Oceania, opera di Mark Mancina, Opetaia Foa’i e Lin-Manuel Miranda. Ogni singola nota tenta di emozionarti e regalarti ciò che stanno provando in quel momento i personaggi che vivono la storia: guardando una semplice scena, con una musica meravigliosa e le parole in lingua polinesiana, mi sono letteralmente commossa. Tutte le scene di Oceania sono strettamente legate e si può dire che molti dei movimenti dei personaggi seguano una vera e propria danza.

Ma non voglio dilungarmi oltre. Come ho detto, non posso dirvi tutto quello che vorrei, non voglio rovinare tutto quello che è stato per me Oceania, ma voglio chiudere la recensione con un applauso, come quello che ha chiuso il film una volta finito, nella sala cinematografica dove mi trovavo.

Oceania

P.S.: se siete sensibili, portate anche i fazzoletti, per Oceania vi serviranno. E trattenetevi fin dopo i titoli di coda, ed occhio agli EASTEREGGS!

Oceania, nelle sale italiane dal 22 dicembre.

Lascia un commento