Rapunzel – Il Musical a Roma fino al 15/02!

Per la gioia di tantissimi spettatori (sia bambini che adulti) al Teatro Brancaccio di Roma, viene prolungata la messa in scena del musical su una delle principesse Disney più amate: Rapunzel.
Fino al 15 febbraio 2015, tutti i venerdì, sabato e domenica, potrete vivere (o rivivere), la splendida storia della principessa perduta dai lunghi capelli dorati.
Il regista Maurizio Columbri, dirige alla perfezione una quanto mai insospettabile  cattiva Lorella Cuccarini, nei panni di Madre Gothel, Alessandra Ferrari nei panni della dolce sognatrice protagonista, e Giulio Maria Corso nei panni dell’affascinante ed esuberante ladro, Phil.

10378009_710242669072177_7514675717196295606_n
Immagine pubblicitaria del Musical

Quando ho visto per la prima volta il tabellone con scritto ‘Rapunzel – Il Musical’, prima ancora di metabolizzare la notizia, mi sono detta: io devo vedere quello spettacolo! Non solo coinvolgeva la mia principessa Disney preferita, ma anche una delle cose che amo di più: i musical. E chi avrebbe mai pensato che sarei riuscita a vederlo addirittura in seconda fila e per di più in posizione perfettamente centrale?
Una volta seduta alla mia postazione,  ero già elettrizzata e di lì a poco… è cominciata la magia.

Nonostante sin dalle prime battute iniziali si capisca che è uno spettacolo indirizzato ai bambini, per via delle battute semplici (ma non per questo meno divertenti) e della caratterizzazione dei personaggi, io ho amato questo spettacolo teatrale, a partire dalla storia, sino alle scenografie.
Il musical è una rivisitazione della meravigliosa storia di Rapunzel, con approfondimenti sul personaggio di Madre Gothel, con un tocco personale, ma del tutto inerente a quello del film Disney.
Infatti, oltre alla trama che tutti già conosciamo, con protagonisti la giovane principessa perduta alla ricerca delle luci fluttuanti insieme al suo Phil (Eugene/Flynn nel classico Disney), troviamo il rapporto conflittuale tra Gothel e Gretel (madre naturale della protagonista), sorelle da sempre in competizione tra loro. Troviamo quindi un approfondimento del background della cattiva della storia, interpretata con maestria dalla Cuccarini, elemento di spicco tra tutti gli attori, anche se tutti molto bravi.
I personaggi erano tutti molto vicini alla versione cinematografica, anche se con qualche vena comica più semplice in più, e con personaggi secondari (come i due simpatici fiori amici di Rapunzel, e il suo specchio- consigliere), che proprio non possono che essere apprezzati.

10941284_741580265938417_1032806504_n
Il cast al completo, durante i saluti finali

Passando quindi a discorsi più tecnici e meno inerenti alla trama, vorrei spendere qualche parola su scenografie, costumi e musiche. La cosa che però ho apprezzato di più in assoluto è stata proprio la scenografia:  ogni cambio scena ti lascia a bocca aperta,  sia per la bellezza che per la dinamicità con cui veniva effettuato. Ogni oggetto, muro, cardine, persino le sbarre della prigione, era curato fino all’ultimo dettaglio. Anche i costumi mi sono piaciuti, fatta eccezione per quello di Rapunzel, un po’ troppo semplice rispetto agli altri, anche se viene compensato dalla parrucca, che Alessandra Ferrari sfruttava nelle  coreografie, non solo per curare le ferite e far ringiovanire Gothel.
Le canzoni sono  frizzanti e piene di energia, tanto che durante lo spettacolo ti viene da unirti alla compagnia nell’esecuzione della coreografia.

Voto complessivo: 9
Ho davvero apprezzato questo musical, dai tratti semplici ma adorabili, e che consiglio a tutte le famiglie con bambini (la presenza del personaggio di Phil, fa apprezzare molto la storia anche ai maschietti, che lo troveranno esilarante). Nonostante penso possa essere apprezzato anche dagli adulti, non lo consiglio a chi tendenzialmente non ama vedere modifiche alla trama dei film. A chi invece è curioso di vedere una storia più approfondita su Rapunzel, ma soprattutto Gothel, consiglio di andare a vedere questo spettacolo di corsa.

IMG_0881
Io con Lorella Cuccarini, una mia amica e Pascal

Vorrei spendere una parola sul cast e sullo staff del Teatro Brancaccio. Ho visto diversi spettacoli teatrali, musical e non, in diversi teatri, ma di trovare simili persone non mi era mai capitato. Gentili, pazienti (anche con chi davvero non se lo meritava), amabili, disponibili. Gli attori e i ballerini si sono fatti vedere da tutti a fine spettacolo, per salutare  e ringraziare il loro pubblico (con particolare attenzione ai più piccoli) e sia Giulio Maria Corso (Phil) che Alessandra Ferrari (Rapunzel) si sono fermati per qualche foto con i bambini, elargendo sorrisi e quant’altro. Lorella Cuccarini è stata anche più cortese: ha salutato tutti, ha fatto un autografo a chiunque lo chiedesse e ho avuto anche la fortuna di fare una foto insieme a lei e, nonostante la calca e le urla, non ha mai negato un sorriso a nessuno degli spettatori, anche se (come è giusto che sia) dava sempre più spazio possibile ai più piccoli.
Vi ho parlato anche dello staff del Brancaccio perché era incredibile vedere come, con estrema pazienza, si prendevano cura dei bambini e li portavano dai loro attori preferiti, cercando di mantenere l’ordine tra gli adulti, mantenendo una calma nonostante le spinte e le urla.

Ringrazio quindi tutti: membri del cast e dello staff per lo splendido a cui ho potuto assistere e invito tutti voi a non perderlo! E ricordate…

IMMAGINA, TU PUOI!

Related Post

Lascia un commento