Recensione “How to get away with murder” – 3×03

Always bet black

La puntata introduce i personaggi sulla scena del crimine “della casa in fiamme”. Annalise viene scortata alla centrale di polizia e comincia ad eseguire una serie di procedure iniziali inerenti all’arresto mente Oliver cancella, su commissione della donna, tutti i dati del suo cellulare.

Sei settimane prima

 Il caso

Annalise ha tra le mani un nuovo caso ma prima di proporlo ai suoi studenti ha un incontro “casuale” con la nuova rettrice che sembra volerla convincere di essere dalla sua parte e non sua nemica. L’avvocato è come sempre diffidente ma comunque non respinge mai del tutto la collega e le sue politiche scolastiche come della misteriosa vicenda dei volantini.

In aula, Annalise espone il caso di Toby Salomon definito il “Maniaco delle squillo”, processato per non aver prestato soccorso ad una prostituta in overdose mentre erano insieme. Il processo ha già avuto inizio, difatti il cliente ha precedentemente cambiato ben quattro avvocati. La giuria ha già quindi un’idea precisa sulla decisione finale. Sarà compito di Annalise e del suo team, questa volta capitanato da Michaela, a convincere i giudici nel cambiare il verdetto in favore del cliente.

Si scopre, dopo una serie di manovre giuridiche che non sembrano aiutare l’imputato, di come il suo avvocato precedente lo stia ricattando per una incauta confessione dell’uomo; Toby ha ucciso una ragazza ma non la prostituta della fatale notte bensì una certa Jane, una ragazza diciottenne scappata di casa nel 2012 con cui l’uomo pensava di trascorrere una notte di sesso. La ragazza però, sotto l’effetto della cocaina comincia ad insultare Toby e l’uomo, stanco del continuo bullismo nei suoi confronti, la uccide con una mazza da baseball e nasconde il suo cadavere nel freezer rotto di un magazzino abbandonato.

Annalise, con l’aiuto di Nate, trova nella confessione di Toby, l’escamotage perfetto per vincere il processo: incastra il compagno di cella dell’uomo nella notte in cui è stato arrestato per il caso della prostituta. La donna presenta una serie di prove che dimostrano che Toby aveva sentito la confessione del carcerato mentre diceva di aver ucciso una ragazza di nome Jane. Quello che sembra essere un “bel gesto”, permette a Toby di essere condannato a soli tre anni di carcere.

Un altro caso si è risolto. Un caso interessante e coinvolgente che rende la figura di Annalise come sempre invulnerabile. La donna esce da tutte le situazioni scomode con metodi e azioni sempre indovinate, nessuno sembra mai riuscire a fermarla, né i procuratori che incontra durante le udienze né i giudici che sembrano non apprezzarla. C’è da chiedersi se questo essere vincente sarà per sempre o se ci sarà un momento in cui le cose cominceranno ad andare male?

La serie si apre con le scene di una donna in mano alla polizia e che sembra fragile davanti agli avvenimenti ma che al contempo sembra tessere le fila di un nuovo piano per cui saranno tutti scagionati. La cosa, sembra aver funzionato nelle altre stagioni, ma in questa, più che mai, dovrà essere credibile e congeniale altrimenti si potrebbe arrivare alla ripetitività e forse alla noia. Annalise e i Keating’s five non potranno farla franca per sempre…

Laurel

Laurel si reca in Florida da suo padre per conto di Annalise. La ragazza ha come obiettivo quello di trovare Frank e sa che il lavoro e i contatti del padre possono aiutarla. L’incontro con lui però, sembra essere più difficile del previsto a causa degli screzi, da sempre presenti tra lei e il genitore. La ragazza però viene messa di fronte ad una scelta: se firma un contratto di trasferimento di proprietà che la riguarda, il padre le fornirà le informazioni che cerca. Nel frattempo Wes cerca spesso Laurel, che sembra però essere molto scostante a causa dei suoi problemi familiari. Meggy si accorge così delle particolari attenzioni che il suo ragazzo riserva all’amica e ne parla con lui. Wes la rassicura sul loro rapporto e dell’amore che prova per lei. Il cucciolo però, non è il solo a chiamare Laurel, la ragazza riceve nel cuore della notte la chiamata di Frank che le dice, con fare disperato, che non cadrà nella trappola di Annalise.

La mattina del suo ritorno a Philadelphia, Laurel firma il contratto del padre che le riferisce la posizione di Frank: il ragazzo si trova a Coalport in Pennsylvania. Laurel si ricongiunge con il padre dando inizio a un nuovo e rinnovato rapporto. Sembra così che nuovi equilibri si stiano creando. Laurel sostiene di amare Frank ma al contempo sta cercando di incastrarlo mentre Wes, con la sua nuova relazione, sta cercando una persona “pulita” che non abbia a che fare con il suo mondo. Lui e Meggy però non convincono nessuno e adesso c’è solo una cosa da fare per noi fan: shippare una possibile nuova coppia Wes – Laurel o sperare nel ritorno del bello e dannato Frank e di un possibile ritorno con la ragazza?

Connor – Oliver / Michaela – Asher

Michaela, ottiene l’opportunità di essere il primo avvocato ad occuparsi del caso al fianco di Annalise. La ragazza è però distratta a causa di una scoperta che riguarda il suo ex promesso sposo con cui era finita a causa dell’omosessualità di lui. Il ragazzo sta per sposarsi con una nuova ragazza e nonostante Michaela sappia la verità non riesce a non essere scossa dalla notizia. La ragazza propone così una notte da sballo ad Atlantic city ad Asher, Connor e Oliver.

Una volta arrivati Asher cerca di dare corda alla follia momentanea di Michaela, mostrando in modo celato l’affetto crescente che prova per lei. Nel frattempo, Oliver e Connor, freschi di rottura, cercano di essere amici e di rimanere in buoni rapporti. (A proposito, a questo rapporto finito non crede nessuno. L’amore tra i due è palese, mancano solo gli occhi a cuoricino). Al casinò Oliver approccia un ragazzo ma quando le attenzioni di quest’ultimo si spostano su Connor che lo aggredisce verbalmente a causa della gelosia.

Sei settimane dopo

 Bonnie accorre sulla scena e distrae la polizia, chiedendo informazioni, in modo che Oliver possa lasciare il cellulare, ormai ripulito, sul luogo dell’accaduto, senza farsi notare. Improvvisamente, i vigili del fuoco trovano un’altra persona coinvolta nell’incidente. Chi sarà? Per scoprilo… appuntamento a settimana prossima con Le regole del delitto perfetto.

Related Post

Lascia un commento