Recensione “How to get away with murder” – 3×09

Who’s dead?

 

La puntata di questa settimana inizia senza flashback difatti nella prima scena Annalise espone ai suoi studenti la prova d’esame di metà semestre. Si tratta di una simulazione.

Ted Bundy, serial killer, stupratore e necrofilo è condannato a morte. I ragazzi hanno il compito di scagionarlo e ribaltare la condanna a lui riservata.

Parallelamente alla scena della classe continua lo scontro lasciato in sospeso nella precedente puntata tra Annalise e Bonnie nei confronti di Frank. Il ragazzo si è puntato una pistola alla gola e mentre l’avvocato vuole convincerlo a togliersi la vita, Bonnie cerca di distoglierlo da quel folle gesto. Frank non ha idea di che fare ma quando la bionda gli dice che la notte trascorsa insieme è stata importante per lei il ragazzo ha un cedimento e Bonnie riece lentamente a togliergli la pistola dalle mani.

I ragazzi del corso passano tutti l’esame e cominciano i festeggiamenti. Nel corso di essi, Annalise dice a Wes che Frank non sarà più un problema per loro mentre Asher ammette a Michaela di aver contatto sua madre che quest’ultima sta arrivando a casa sua.

Mentre Annalise è dalla sua abituale parrucchiera, l’amica le confida che una giovane donna nera era venuta nello stesso negozio chiedendo di lei. Annalise si precipita dunque dal procuratore facendole intendere di smettere di indagare su di lei. Poco dopo, Annalise ha una discussione con Nate in cui gli dice che ha ottenuto il suo nuovo lavoro solo perché la conosce bene e perché stanno indagando su di lei. L’uomo risponde che l’unica cosa che gli interessa è di rimanere fuori dai problemi di Annalise. A casa Annalise apre una bottiglia di vodka fallendo miseramente nel suo percorso di terapia ma soprattutto, ignora una chiamata di Bonnie.

Alla festa Wes e Laurel hanno un diverbio e nel bel mezzo del party Wes riceve una telefonata. Deve presentarsi alla centrale di polizia, dove il suo avvocato, la polizia new yorkese e il procuratore lo stanno aspettando. Nel frattempo Nate va a chiedere spiegazioni sulla sua attuale posizione e nonostante la ragazza neghi di star indagando su Annalise, Nate se ne chiama fuori prima che le cose diventino troppo complicate.

A casa, Annalise, è in preda ai fumi dell’alcool e decide di bruciare tutte le carte contenenti il caso Mahoney, quelle riguardanti Rebecca e infine, con il trofeo con cui Wes ha ucciso Sam distrugge il suo pc portatile. La donna ripensa a tutto ciò che le è capitato dopo di che, esce per recarsi da Bonnie. La donna pensa che finiranno tutti in galera poiché il procuratore sta indagando su di lei.

Al party, Laurel cerca di contattare Wes, mentre Connor si ubriaca sempre più e quando Oliver gli dice di non esagerare ricordandogli la sera del falò (la sera dell’omicidio di Sam) il ragazzo ammette che quella volta non aveva nessun genere di problemi di alcool o droghe ma che fosse solo tremendamente traumatizzato.

La polizia interroga Wes. Durante il corso dell’incontro però il ragazzo comprende che non si tratta del caso Mahoney, bensì di un’indagine verso la professoressa Keating. Un cadavere è stato rinvenuto nel bosco. Si tratta di Rebecca Sutter, ex fidanzata di Wes, uccisa da Bonnie. Al ragazzo viene offerta l’immunità in cambio di una collaborazione. Gli scheletri nell’armadio cominciano a venire a galla.

Annalise comincia a chiamare i Keating’s five. La donna chiede ai cinque di presentarsi a casa sua ma nel frattempo contatta Oliver dicendogli che lo avrebbe raggiunto alla clinica legale. Il ragazzo nell’attesa sta indagando sulla famosa sera del falò e tra le notizie di quel giorno emerge immediatamente la scomparsa di Sam Keating. Bonnie nel frattempo si reca da Frank e gli chiede di addossarsi la colpa per salvare tutti loro.

In un climax sempre più ascendente e di tensione scopiamo che Connor ha incontrato Thomas e ha fatto sesso con lui per poi lasciarlo brevemente solo. Nate e Laurel si recano entrambi a casa di Annalise mentre Asher è svenuto al party e Michaela è ancora alle prese con la madre. Annalise invece, chiede a Oliver di hackerare l’ufficio del procuratore per cercare di evitare danni. Quando Laurel entra in casa della donna scoppia l’incendio. Al suo interno vi sono la ragazza e Nate.

Da qui in poi, le immagini ripercorrono tutto ciò che abbiamo visto nei flashback sino ad oggi con qualche dettaglio in più. Annalise è accusata di incendio doloso e omicidio di primo grado, la fonte che la accusa è anonima ma è probabile che sia proprio Wes. Laurel è incinta e il bambino pare proprio essere di Wes, dall’altra parte del telefono a parlare con Bonnie c’è Frank che scopre delle condizioni della ex fidanzata. Il ragazzo si trova sulla scena dell’incendio e sembra essere stato proprio lui a causarlo.

I ragazzi accorrono tutti all’ospedale per chiedere informazioni a Bonnie su quanto accaduto e sul cadavere rinvenuto a casa di Annalise. La scena si sposta e ci troviamo in una sala delle autopsie in cui una donna stabilisce la morte di una persona di sesso maschile dalla pelle nera. Tutti gli indizia sembrano portare a Nate ma invece scopriamo che il cadavere della persona deceduta non è altri che di Wes.

I ragazzi sono scioccati e quando Laurel si riprende è disperata per la morte del suo amore.

L’ultima scena però sbalordisce. Nate si reca da Annalise dopo essere stato a sincerarsi della causa della morte del ragazzo le comunica di come fosse già morto prima dell’incendio.

 

 

Beh ragazzi, che dire? Probabilmente sono scioccata io quanto voi. Tra tutti, mai e poi mai mi sarei aspettata l’uscita di Wes, alias Cucciolo, alias Lista d’attesa. il figlio mai avuto di Annalise nonché colui che ha dato il via a tutta la serie di omicidi che i Keating’s five si sono portati dietro.

Ovviamente è inutile fare supposizioni troppo complicate o voli pindarici perché sappiamo bene che la peggior assassina è proprio Shonda Rhimes. Ecco però le probabili possibilità.

  • Wes si è tolto la vita in qualche modo per scagionare gli altri e Annalise
  • Si tratta di un piano di Annalise in cui ha rinunciato al suo figlio preferito pur di salvare se stessa
  • Frank ha scatenato la sua vendetta su Wes perché follemente innamorato di Laurel e quindi tanto vale toglierlo dai giochi
  • Nate che si trovava sulla scena dell’incendio è in qualche modo impazzito e ha deciso di tagliarlo fuori da una situazione da lui stesso definita complicata

La mia immaginazione qui si interrompe. Anche perché sappiamo bene che in questa serie è tutto totalmente imprevedibile. Nuovi equilibri sembrano essere imminenti i Keating’s five, nonostante la morte di Wes, continuano a essere cinque per l’ufficiale inserimento di Oliver nelle losche faccende di casa Annalise. Laurel aspetta un figlio da Wes, che forse verrà cresciuto al fianco di Frank che farà da padre sostitutivo?

La seconda metà della stagione sembra avere un vero e proprio cambio di direzione rispetto alle precedenti. Le indagini su Annalise sono iniziate e il cadavere di Rebecca è stato ritrovato nel bosco. Situazioni difficili sembrano arrivare all’orizzonte per gli avvocati assassini che riescono sempre a farla franca.

A gennaio avremo la nostra seconda metà della terza stagione e noi, agonizzeremo nell’attesa di capire cosa diavolo è successo. Nel frattempo, “salutiamo” Wes e ci complimentiamo con il suo attore, Alfred Enoch, per aver interpretato magistralmente il suo ruolo che, nel bene e nel male, è stato fondamentale per la serie. Ammetto di essere dispiaciuta per la sua uscita dal format ma era prevedibile che K5 non potessero essere sempre tutti al sicuro e compatti. Con i suoi colpi di scena la serie non delude mai quindi non perdetevi l’appuntamento con la prossima puntata ma soprattutto con me il 19 gennaio 2017.

 

 

Scarlet Witch

Lascia un commento