Red: La conferenza stampa a Roma

Si è tenuta ieri al Cinema Moderno di Roma la conferenza stampa di “Red”, il nuovo capolavoro Pixar in uscita su Disney+ l’11 marzo, con la regista, la produttrice e le voci italiane.

Red, o Turning Red che dir si voglia, è il 25° lungometraggio di casa Pixar, diretto da Domee Shi e prodotto da Lindsey Collins e Pete Docter,  il quale ha lasciato completamente carta bianca alla Shi dicendole “tu intanto prova, poi vediamo come viene e se ti piace”. E’ stata questa, infatti, una delle tante domande poste durante la conferenza stampa.

Dopo il successo di Bao, Domee Shi torna a lavorare per Pixar, questa volta con un lungometraggio. Le  aspettative sono molto alte su “Red” specie perché, finora, sono poche le donne alla regia dell’animazione  anche se la stessa Shi ha assicurato che nella sua classe di animazione la composizione tra uomini e donne fosse decisamente equilibrata. Ultimamente, per fortuna, si registra un incremento delle donne alla regia e si spera di vederne sempre di più. A sostenere la cosa anche  la Collins la quale sostiene che nei prossimi anni vedremo molte donne alla direzione di film Disney Pixar. Inoltre, la Shi stessa ammette che le piacerebbe molto lavorare ad un altro film Disney Pixar, e, a chi le chiede se intende far diventare Red una trilogia, risponde che se ai suoi genitori piacerà il film potrebbe essere un’idea.

La Shi ha, infatti, ammesso che c’è molto della sua storia personale, dei suoi malumori, delle sue paranoie adolescenziali, delle sue litigate con sua madre nel film, inserendo soprattutto tutte le parti più imbarazzanti della sua adolescenza. E a chi chiede se avesse mai pensato di improntare la storia dal punto di vista maschile, ovvero di riprodurre sullo schermo un rapporto tra padre e figlio adolescente, risponde che no, non lo ha pensato perché non sa come è il rapporto tra un figlio adolescente e suo padre. Ha poi aggiunto che i padri cinesi sono, di solito, all’apparenza delle rocce, ma poi anche molto buoni e comprensivi (oltre che dei gran cuochi), quindi le risulta difficile immaginare un rapporto diverso da quello che ha portato nella pellicola.

Ma si è ispirata davvero solo a se stessa e alla sua adolescenza per il personaggio principale? Ovviamente no, l’ispirazione è venuta anche a Lizzie McGuire. A sentirla parlare, inoltre, la regista (classe 1989) sembra avere come riferimenti i grandi anime giapponesi di tutti noi nati negli anni ‘90 come Sailor Moon o Ranma ½, insomma tutti quegli show dove ci sono trasformazioni, teen drama, momenti esilaranti. Ma è stata influenzata anche da personalità come Wes Anderson e dal suo stile.

Riferimento anche agli anni ‘90 è la boyband che si intravede nel trailer, i “4 Town”, le cui voci italiane appartengono a Hell Raton, Baltimora, Karakaz, Versailles e Moonryde, che con le boyband, però, non c’entrano nulla. Infatti provengono tutti da mondi diversi e non hanno nessuna boyband di riferimento. Artisti, invece, per cui la regista Domee Shi e la produttrice Lindsey Collins avrebbero fatto carte false in adolescenza sono rispettivamente gli N’Sync e Prince, anche se poi hanno ammesso entrambe una “cotta” per Justin Timberlake.

A chi, invece, chiede come mai proprio la scelta del panda rosso risponde che sullo schermo non si è mai vista una storia con questo animale come protagonista, trovandolo anche molto carino. La scelta del colore rosso viene dal fatto che se dovesse descrivere la sua adolescenza con un colore direbbe questo perché lo associa alla purezza, ma anche alla rabbia di quegli anni dove ci si ritrova spesso incompresi e si finisce a litigare con i propri genitori.

In conclusione, il messaggio che Red si propone di trasmettere è quello di abbracciare le proprie emozioni ed evitare di reprimerle così da poter vivere la propria vita al meglio.

Il film Disney e Pixar Red vede protagonista Mei Lee, una tredicenne maldestra e sicura di sé, combattuta tra il rimanere una figlia disciplinata e il caos dell’adolescenza. Sua madre, Ming, è protettiva, se non leggermente autoritaria, e non si allontana mai da sua figlia: una realtà imbarazzante per un’adolescente come lei. E come se i cambiamenti dei suoi interessi, delle sue relazioni e del suo corpo non fossero abbastanza, ogni volta che si emoziona troppo (che significa praticamente SEMPRE), si trasforma in un gigantesco panda rosso!

Red  vi aspetta dal 11 marzo su Disney+, per saperne di più sul film vi aspettiamo invece su questi schermi il 7 marzo per la nostra recensione in anteprima!

Lascia un commento