Shadowhunters

Recensione “Shadowhunters” – 2×17 – A dark reflection

Shadowhunters 2×17 – “A dark reflection”

 

Shadowhunters

 

Benvenuti a tutti con la nuovissima puntata di Shadowhunters.

L’episodio ha inizio con la nostra Clary che sogna le sue avventure da esperta nuotatrice nel lago Lyn dalle mille bolle blu. A destare la bella affrontata dai suoi incubi ecco un Jace selvatico a torso nudo della serie il principe Filippo è passato di moda. Beata ragazza, la invidio tanto…

Jace Herondale

Comunque la ragazza vuole cercare il fratello perduto e prova a ricorrere agli oggetti lasciati da Jocelyn nello scrigno del bambino perduto. Con estremo stupore di Clary i ricordi d’infanzia sono stati rubati, si direbbe che il piccolo Jonathan non voglia essere trovato.

Gli oggetti sono tra le mani dello psicopatico Jonathan che li brucia privo di qualsiasi sentimento. Si direbbe che l’alleanza con paparino Valentine sia sempre più forte, tuttavia il padre è molto più machiavellico del figlio che pare la follia fatta a persona e, proprio per questo, molto più pericoloso e meno prevedibile.

All’Istituto Alec rivela a Clary e Jace di come il Clave non abbia mai recuperato la Spada dell’Angelo. I nascosti non devono scoprire questo dettaglio altrimenti si scatenerebbe una rivolta per la paura di un rinnovato sterminio, come quello perpetuato da Valentine in precedenza. Inoltre se i tre strumenti mortali fossero riuniti l’Angelo Raziel potrebbe concedere un desiderio a chiunque lo invochi, per Valentine, sarebbe porre la parola fine sul mondo nascosto.

Il due della morte cerca proprio di fare ciò che i nostri amici Shadowhunters hanno predetto. Si recano da Cliofass, sorella di ferro, per farle aggiustate la Spada dell’Angelo e in seguito in una libreria protetta da uno stregone che sembra conoscere l’ubicazione dello Specchio Mortale.

Qui il nostro Psyco Jonnhy da prova delle sue doti di demone ma viene (per ora) tenuto al guinzaglio da Valentine. E in tutto questo mi chiedo, all’Istituto nessuno si domanda dove cavolo sia finito Sebastian?

Jonathan Morgenstern

Comunque i due non riescono ad ottenere nulla dallo stregone che si toglie la vita piuttosto che spezzare il suo giuramento di protezione, per questo Valentine suggerisce a Psyco Jonnhy di tornare all’Istituto e fare qualche ricerca.

Proprio all’Istituto Magnus aggiorna Alec sulla riunione tra nascosti dicendogli di aver osannato la sua politica di trasparenza verso le varie specie del mondo invisibile. Il tutto, condito da cena a lume di candela e musica romantica. Che uomo perfetto questo Magnus Bane.

Malec

Qualcuno invece sembra essere più sfortunato per quanto concerne le pene d’amore: Simon invita Maia ad uscire ma la ragazza declina l’invito, sembra che qualcuno sia tornato a essere il principe della friendzoneeeee!

Maia Roberts

In seguito alla morte dello stregone Elliott, Dorothea si presenta all’Istituto per mettere in guardia gli Shadowhunters: Jocelyn aveva affidato la custodia dello specchio al primo stregone tuttavia nel momento in cui il custode muore, egli ha la facoltà di conferire la protezione dell’oggetto magico ad un altro membro della sua specie, la scelta è caduta su Dorothea. Proprio per questo la strega accorre da Clary per rivelarle tutto e chiederle protezione tuttavia, sappiamo bene che il nostro “Sebastian” sta arrivando proprio alla casa base.

Dorothea

Jace e Clary decidono di andare a perlustrare il negozio dello stregone defunto poco dopo spunta casualmente come una margheritina di campo il nostro Sebastian che finge di cadere dalle nuvole chiedendo spiegazioni sull’accaduto. Clary si accorge subito del passaggio del fratello al negozio a causa di una serie di tracce lasciate che solo lei conosce grazie ai ricordi della madre. Qui Jace le dice che farà di tutto per proteggere lo specchio anche uccidere Jonathan se fosse necessario ma la ragazza si dimostra contrariata poiché vuole concedergli il beneficio del dubbio: Jonathan potrebbe essere sotto il giogo di Valentine.

Stranamente Sebastian sembra essere d’accordo con lei e suggerisce come la priorità sia trovare lo specchio.

 

Come previsto Psyco Sebi scopre della presenza di Dot e del fatto che la strega stia tracciando il percorso per arrivare allo specchio. Quando si confronta con il padre lo informa degli aggiornamenti e mostra giusto una punta di disappunto al solo pensiero che Clary non possa amarlo. Valentine lo asseconda perché si sa, ai pazzi bisogna sempre dare ragione e perché probabilmente si è accorto dell’imprevedibilità del figlio e della sua totale assenza di morale o principi… o sanità mentale.

Jonathan Morgenstern

Aggiornamenti anche per noi: Magnus scopre che Alec sa della Spada dell’anima e si incazza non poco con il povero Alexander, Dot individua un parco in cui Clary giocava sempre da piccola come luogo di collocazione dello specchio e Psyco Sebi bussa alla porta di Clary con l’aria da cucciolo che poco gli si addice. Ammettiamolo Will Tudor è un gran figo ma ha sul serio la faccia inquietante.

Clary - Jonathan

Ancor più inquietante è che dopo aver consolato Clary lui la baci. Bene, il Dottor Freud se fosse vivo a quest’ora avrebbe fatto soldi a palate. Lo vedo già, mentre fa un angelo di neve tra i dobloni stile zio Paperone mentre sfumazza il sigaro.

Sigmund Freud
Dot, Jace e Clary raggiungono il posto indicato e recuperano lo specchietto per i trucchi. Qui Jonathan li attacca sotto forma di fiammifero e proprio mentre sta per uccidere Jace la ragazza lo intima a non farlo e proprio quando il demone sta per convincersene, Dot lo attacca e apre un portale che fornisce la via di fuga ai due Shadowhunters.

 

All’Istituto Clary apre lo specchietto per un momento di vanità e ha nuovamente una visione di lei al lago, da qui intuisce la presenza di un messaggio in queste visioni; nel frattempo, il piccolo dei Lightwood, Max, si scontra con Sebastian poiché ha scoperto grazie ad un capello lasciato sul fondo della scatola della sua vera identità. Il piccolo sa che lui è Jonathan Morgenstern e per lui prevedo una dolorosa morte.

Max Lightwood

Questa puntata di Shadowhunters è stata molto scorrevole e con una trama piacevole. Super promosso Will Tudor che con la sua interpretazione di Sebastian/Jonathan offre una grande prova di sé. Intravedo miglioramenti anche nella McNamara (non festeggiamo troppo presto) che dopo quasi due stagioni sembra cominciare ad apprendere come sia un volto triste. Ancora nessuna ombra dei Clace ma va bene così: il loro ricongiungimento se graduale è più significativo e sicuramente più reale.

Magnus Bane

Orizzonte di tempesta invece per i Malec: l’atteggiamento di Magnus così repentino e deciso è quasi ridicolo, arrabbiarsi sì ma distruggere le cose mi pare un tantino esagerato… comunque è normale voler creare situazioni di disequilibrio anche tra loro. Spero davvero che Magnus cominci a capeggiare tra i Nascosti, ha un grande potere e mostrarlo non sarebbe male.

Si conclude così questa puntata di Shadowhunters e qui vi saluto ma soprattutto vi auguro buone vacanze, dovunque voi siate!

 

Scarlet Witch

 

Lascia un commento