spider-man: homecoming

Spider-Man: Homecoming – La nostra recensione del nuovo film Marvel

E’ atteso per il 6 Luglio il nuovo film Marvel Spider-Man: Homecoming: noi lo abbiamo visto in anteprima, eccovi la recensione!

spider-man: homecoming

 

E’ atteso per il 6 Luglio il nuovo film Marvel Spider-Man: Homecoming, ma noi lo abbiamo visto in anteprima per voi, quindi ve ne parleremo un po’ nella nostra recensione. Inoltre, cercherò di restare il più neutrale possibile così da non darvi troppi spoiler. Inserirò solo piccoli dettagli che non svelano molto sulla trama, ma sono solo curiosità che magari vi farà piacere conoscere in anticipo.

Partiamo dal principio: “la sigla”.

Sono state numerose le critiche mosse per questo nuovo episodio su Spider-Man, prima fra tutte la scelta di Tom Holland come protagonista. Ormai si sa, i fan si affezionano agli attori ed ai personaggi che interpretano; e stessa cosa è accaduta per il ruolo di Peter Parker. Troppo giovane, troppo acerbo, bisognava prendere uno degli altri attori: questi i commenti più gettonati. Per “altri attori” si intendono coloro che hanno già vestito i panni del supereroe che spara ragnatele, ovvero Andrew Garfield e Tobey Maguire. E’ che noi fan facciamo difficoltà ad accettare le novità, è per questo che la Marvel ha provato ad accontentarci rimettendo la sigla originale anche se leggermente remixata.

Altra postilla: la musica.

Altra genialata Marvel è stata la scelta dei brani di cornice. Non solo brani già presenti negli altri film, ma anche scelte come Blitzkrieg Bop dei Ramones (anche nota come Hey! Oh! Let’s go!) messa sia all’interno del film che nei titoli di coda.

 

 

Ecco: i titoli di coda.

Finalmente, dopo Guardiani della Galassia Vol. II, la Marvel sembra aver capito che il troppo storpia e pertanto si è limitata a sole due scene dopo i titoli di coda. Inoltre, c’è da dire che in una di esse mostra per l’ennesima volta di avere autoironia inserendo uno sfottò per gli spettatori.

Eh già, tutto il film sembra esser stato creato per catturare l’attenzione del pubblico in sala; inclusi i riferimenti a Star Wars ed ai Lego, punti focali nella vita di uno spettatore tipo della Marvel.

In conclusione: se vi aspettate il solito film Marvel fatto di combattimenti ed effetti speciali a volontà vi sbagliate. Spider-Man: Homecoming è più vicino alla classica commedia americana che al solito film di supereroi Marvel. Inoltre, dopo i vari trailer che sono usciti, si è rivelato inaspettatamente marginale il ruolo di Robert Downey Jr, ma non si può dire lo stesso del personaggio interpretato da Zendaya, quasi onnipresente, ma perché poi non si è capito.

Tirando le somme, film nel complesso carino e divertente ma decisamente ad un livello più basso rispetto agli altri lavori Marvel. Insomma si è percepito clamorosamente la volontà del “farlo piacere a tutti i costi”. In parole povere, se ci fosse stato o meno non avrebbe fatto differenza. Voto: 6.8

Questa è stata la mia opinione generale ed estremamente personale sul film che vi aspetta nelle sale italiane dal 6 luglio. Mi raccomando andatelo a vedere e fateci sapere cosa ne pensate. Io resto a disposizione nel caso qualcuno volesse ulteriori chiarimenti!

Related Post

Lascia un commento